Ma tu hai industria 4.0?

Industria 4.0 nuovo paradigma industrale o moda del momento? Quanto è vera innovazione e quanto è prioritario per le nostre imprese?

Se pensavate che “essere alla moda” fosse una mania diffusa tra gli amanti del prêt-à-porter piuttosto che delle varianti di tessuti e colori che ogni anno vengono proposti dai signori del Fashion, che fosse un sistema sicuro per alimentare un ego già di per sé ingombrante, che fosse argomento per spassosi vanesi davanti ai quali Narciso è solo un semplice signore che si guarda allo specchio quando mette la cravatta bella la domenica mattina, beh ricredetevi.

La moda è anche “costume”, nasconde quell’umano desiderio di essere più belli, appariscenti, evoluti di qualcun altro con il quale ci piace confrontarci. Per questo possiede quella forza ipnotica paragonabile a quel suono ammaliatore che utilizzano gli incantatori di serpenti per annichilire e indurre il cobra a uscire dalla sua sicura alcova.

Qualcuno dirà che questi sono discorsi riguardanti chi ha tempo da perdere e soldi da buttare: ma non è così. Possiamo forse dire che la tecnologia non fornisca validi esempi in tal senso?

In occasione dell’assemblea generale ANIMA, uno dei partecipanti alla tavola rotonda dedicata alla “Meccanica Italiana 4.0”  ha raccontato di aver sentito un imprenditore chiedere a un altro: “tu ce l’hai industria 4.0?”.

Certo la domanda è proprio infelice – non fosse che per il fatto che Industria 4.0 non è un prodotto ma un paradigma industriale o, per essere alla moda, la quarta rivoluzione industriale – ma è sintomatica di quanto, anche nel mondo imprenditoriale, ci si possa sentire inadeguati quando non si parla dell’argomento del momento. Industria 4.0 racchiude in sé vari concetti non tutti necessariamente innovativi, se per innovativo intendiamo mai apparso sul mercato, e che certamente possono alzare l’asticella della competitività delle nostre imprese, dalle più piccole alle più grandi. Il punto è capire bene di cosa si sta parlando, guardare all’interno della propria azienda e capire quanto e come una digitalizzazione più spinta può portare valore aggiunto.

A latere c’è anche una questione che ancora non molti si pongono. Data per scontata la necessità per un’azienda di investire su Industria 4.0, le banche sono in grado oggi di valutare il ritorno di un piano di investimenti volto a digitalizzare un’impresa?

Related Posts

Appuntamento a 32.BI-MU per ripartire
Adattarsi agli eventi e prepararsi alla ripartenza
Siemens per la formazione: nasce un laboratorio 4.0 nel Polo Tecnico Scientifico Fermi-Giorgi di Lucca