Bilancio positivo per 29.BI-MU/SFORTEC

Si è chiusa sabato 4 ottobre 29.BI-MU/SFORTEC, biennale della macchina utensile, robotica e automazione, che ha proposto l’offerta di 1.060 imprese per una superficie totale di 90.000 metri quadrati e che, grazie all’attenzione prestata al tema dell’ecocompatibilità, ha ottenuto tra le prime in Italia, la certificazione di evento sostenibile.
Ospitata da fieramilano e promossa da UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE e CIS Comitato Interassociativo Subfornitura, la mostra ha registrato 61.926 visite, il 5,2% in più rispetto alla passata edizione (2012). Il 4% degli ingressi è stato effettuato da operatori stranieri, in rappresentanza di 75 paesi.
Visitatori interessati e espositori soddisfatti: questo è il primo bilancio per l’edizione numero ventinove di BI-MU/SFORTEC che, accanto alla tradizionale offerta, ha proposto numerose novità. Tra queste, particolarmente apprezzate sono state l’area FOCUS MECHA-TRONIKA, spin-off dell’omonima manifestazione, e l’area CIS-RP&3D nella quale hanno trovato spazio interessanti realtà produttive costruttrici di sistemi di stampa 3D Printing e Additive manufacturing.
L’interesse per il settore delle tecnologie additive, oggi in pieno sviluppo, è stato d’altra parte confermato dalla partecipazione al convegno dedicato al tema “Stampa 3D: opportunità e applicazioni nel manifatturiero meccanico” cui sono intervenute 160 persone. Complessivamente sono 400 gli operatori che si sono accreditati ai convegni di Quality Bridge organizzati nell’ambito di 29.BI-MU/SFORTEC.
Oltre 1.000 gli incontri programmati tra espositori italiani e i circa 60 operatori stranieri provenienti da Cina, India, Messico, Russia, Stati Uniti, Turchia, invitati nell’ambito dell’iniziativa organizza da UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE e ICE per la promozione del Made in Italy.
Le iniziative ONDA ROSSA, nella quale sono state esposti alcuni dei più prestigiosi modelli a marchio Ferrari, così come quella di PIANETA GIOVANI hanno attirato l’attenzione di giovani e meno giovani. Lo spazio UCIMU Blue Philosophy ha invece presentato l’eccellenza della produzione italiana presente in fiera identificata con il marchio Ucimu Blue Philosopy rilasciato alle imprese associate a UCIMU che operano secondo criteri di ecosostenibilità, riducendo l’impatto sull’ambiente.
Con particolare riferimento a PIANETA GIOVANI, lo spazio, tradizionalmente dedicato agli studenti (circa 5.000 i ragazzi che hanno visitato la manifestazione) è stato trasformato in luogo per la formazione permanente. L’area, allestita all’interno del padiglione 13, ha tra l’altro ospitato la cerimonia di consegna dei PREMI UCIMU assegnati a 7 studenti per le migliori (sei) tesi di laurea dedicate al settore della macchina utensile, e la finale del Campionato del Tornitore, che organizzato da Randstad e Siemens, è stato sponsorizzato da PROBEST e patrocinato da UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE.