Intervista a Jens Thing

In qualità di nuovo Direttore generale di Haas Automation Europe, quali sono le prime decisioni strategiche che pensa di adottare per il mercato europeo?
Per Haas la strategia fondamentale è quella di proseguire con la conquista di nuove fette di mercato, diffondere continuamente il marchio e supportare i clienti già acquisiti con un servizio post vendita di qualità.
Una delle cose per noi molto importanti è la trasparenza. Siamo, infatti, gli unici costruttori di macchine utensili che mettono i prezzi su internet: il cliente, se interessato a un prodotto, entra in internet cerca la macchina e vede il prezzo. Entro gennaio 2015 il cliente vedrà inoltre anche il prezzo degli eventuali pezzi di ricambio. E siamo sicuri che questo contribuirà a stabilire un nuovo standard nel nostro settore.

Come sta andando il 2014 per Haas in Europa e quali sono le prospettive 2015? In particolare cosa ci dice del mercato italiano?
Nel complesso, con un +24% rispetto al 2013, il 2014 è stato molto positivo. L’Italia è molto vicina a quel livello di crescita grazie anche alla collaborazione, che va avanti da due anni, con Celada che si occupa dell’Haas Factory Outlet in Italia. L’esperienza maturata da Celada sul mercato italiano ci è stata di grande aiuto. Il concetto di Factory Outlet – 179 in tutto il mondo – ci permette di condividere la nostra esperienza operativa con molti paesi.

Cosa vi ha dato la partecipazione alla BIMU?
Abbiamo confermato i nostro clienti e conosciuti di nuovi grazie alla partnership con Celada. Abbiamo portato macchine di diversa misura e capacità, di modo da poter mostrare al pubblico italiano la varietà dei prodotti disponibili in Haas Automation.

Su quali prodotti avete puntato per questa manifestazione e perché?
Una macchina molto importante è stato il centro di lavoro verticale UMC-750 particolarmente adatto al mercato italiano con un ottimo rapporto qualità prezzo. Haas ne produce 40 al mese. È caratterizzato da una grande area di lavoro e un prezzo molto competitivo pur montando una tecnologia molto sofisticata.

Produzione sostenibile e risparmio energetico: in che modo questi due concetti incidono sul modo di costruire le vostre macchine utensili? In altre parole, in che modo la filosofia costruttiva di Haas tiene in considerazione queste due tematiche?
Per noi è molto importante: Haas ha sede in California, uno stato molto sensibile alla tematica.
Tutte le parti in metallo dei macchinari Haas sono riciclabili per questo motivo la nostra produzione è certamente eco-sostenibile.
Oltre a ciò i macchinari Haas hanno una vita molto lunga, ci sono macchinari che hanno 20 anni e funzionano ancora perché sono ancora disponibili i pezzi di ricambio.
Anche il consumo di energia è ottimizzato, vogliamo essere sicuri che di non usare un eccesso di aria compressa per esempio. I nostri ingegneri si danno molto da fare per ottimizzare i costi energetici dei macchinari.