SPS IPC Drives, intervista a Donald J. Wich Amministratore delegato di Fiera di Francoforte

L’automazione recita e reciterà un ruolo fondamentale nel made in Italy. Infatti, i visitatori di SPS Italia sono essenzialmente costruttori di macchinari che, in questi anni di crisi, hanno comunque raggiunto ottimi risultati grazie all’export” così esordisce Donald Wich (nella foto). “Questo fattore congiuntamente all’innovazione tecnologica contenuta nei prodotti presentati in fiera, consentiranno alle aziende italiane di essere sempre più competitive ed efficienti“.
Quanto ha contribuito al successo dell’evento la stretta cooperazione con alcuni espositori?
Per noi è stato un elemento fondamentale fin dalla nascita poter condividere un progetto con un panel di espositori- Inoltre abbiamo cosituito un comitato tecnico composto dai principali atenei italiani, dagli end users e dai costruttori di macchinari. In questo modo abbiamo realizzato una manifetsazione plasmata sulle necessità degli espositori e dei visitatori.
Che tipo di promozione avete fatto per portare tanti visitatori stranieri?
Già dalla passata edizione SPS Italia è stata riconosciuta dalla Regione Emilia Romagna come fiera internazionale, inoltre, a partire da questa quarta edizione abbiamo favorito la partecipazione di delegazioni estere proprio nell’ottica di dare sempre più visibilità internazionale alla manifestazione, e questa sarà la linea che seguiremo anche nelle future edizioni.
SPS Italia presenta anche alcune iniziative collaterali di successo…
Esatto. Come nella passata edizione abbiamo voluto creare un filo conduttore della manifestazione legato ai due settori di sbocco più importanti per il settore dell’automazione elettrica che sono il Pharma&Beauty e il Food&Beverage. Per le prossime edizioni vedremo come consolidare e/o allargare il discorso a nuovi filoni merceologici.
Come consiedera il livello tecnologico dei prodotti esposti a questa edizione di SPS Italia?
I visitatori stessi ci hanno confermato che il livello dei prodotti esposti è estramente interessante. Questo è comuqnue l’invitgo che noi rivolgiamo alle aziende espositrici, perché consideriamo SPS Italia il momento più importante per presentare nel nostro paese quanto di meglio offre il settore dell’automazione elettrica.